• Parokhet
  • Data: 1927 - 1927
  • Autore: manifattura italiana, ambito ebraico
  • Luogo: Torino (TO) Tempio Israelitico - Piemonte
  • Materia e tecnica: seta/ damasco, seta/ raso, seta/ ricamo, seta/ pittura, seta/ ricamo a punto piatto, filo d'argento/ lamellatura/ lavorazione a telaio, filo di seta, filo dorato/ lavorazione a telaio, cotone/ diagonale o saia
  • Descrizione: Parokhet a fondo damasco azzurro con applicazione di tela dipinta, raso ricamato e filati metallici. Denominazione tecnica: damasco fondo raso da 8. Disegno: nel damasco, vasi di fiori inseriti entro maglie leggermente romboidali formate da rami con foglie e fiori. La tela dipinta, estesa all’intera ampiezza della tenda, raffigura due colonne tortili sormontate da un arco trilobato policromo di gusto moresco. Al centro del portale, sono applicate le Tavole della Legge in raso avorio con le parole iniziali dei Dieci Comandamenti ricamate in filato nero. Le tavole sono circondate da raggi dritti in filato oro e seta gialla alternati a raggi ondulati in filato argento e seta gialla. Al di sopra delle tavole è ricamata una stella di David in filato metallico oro. Analisi tecnica. Orditi: uno di fondo, seta azzurra, 88 fili/cm. Trama di fondo, seta azzurra, 28 fili/cm. Ricamo per applicazione di raso e fasce in oro e argento, fili distesi senza imbottitura, punto piatto, cordoncino. Sul damasco del fondo è stato eseguito il ricamo ed applicata la tela dipinta. Lungo il bordo inferiore è applicata una frangia di 12 cm con testa gallone e gonna ritorta in argento su anima bianca e lamellare. Fodera in diagonale di cotone azzurro.
  • Bibliografia:
    -
  • Iscrizione
  • אנכי יי (A)
    לא יהיה
    לא תשא
    זכור את
    כבד את
    לא תרצח
    לא תנאף
    לא תגנוב
    לא תענה
    לא תחמד
    Giuseppe Treves (B)
    Emma Cavaglion coniugi
    Torino 9-4-1927

  • Traduzione

    (A) Io sono il Signore
    Non avrai
    Non pronunciare
    Ricorda
    Onora
    Non uccidere
    Non commettere adulterio
    Non rubare
    Non fare [falsa testimonianza]
    Non desiderare